E se ci comprassimo un borgo?

suvereto, borgo

Potremmo ristrutturarlo nei fine settimana o durante le vacanze, sotto la guida di architetti esperti (ce ne saranno di volenterosi e aggratis) tutti a fare i manovali (che l’intelletto ci guadagna). Pensa, potremmo coltivare l’orto; potremmo ristrutturare le stalle (luoghi notoriamente freschi) per far posto alla biblioteca,  a una sala ascolto e proiezione; metteremmo i pc (e pure i mac). Potremmo adibire un intero casolare a cucina, regionale e multietnica.

Noi chi .. …

Quelli interessati, evidentemente. Un buon momento no, c’è la crisi del mattone, il nuovo piano casa… Un borgo tutto per noi, pensa, potremmo aprire anche sezioni di partito.

La radio, potremmo fare la radio…

Una comunità!

Un social network… nooo una  CO MU NI TA’.

No eh???

[larga è la foglia, stretta è la scala…]

castagneto carducci scala santa

James Taylor, Shower the people (Lucca Summer Festival 2009)

Annunci

14 commenti su “E se ci comprassimo un borgo?

  1. Poche balle, io ci sto.
    Tre condizioni:
    1 La comunità sia ispirata all’utopismo più sfrenato, che sennò me ne rimango dove sono.
    2 Studio di registrazione e sale prove con attrezzature adeguate.
    3 Nomina del sottoscritto a direttore della Radio, a vita.

    Il pragmatismno degli emiliani non è solo una leggenda.

  2. Bentornata…sentivo la tua mancanza!
    A me piacerebbe il borgo…ma con qulla scalinata….. al decimo scalino mi siedo e resto lì…..

  3. no,hai proprio ragione. tra l’altro di paesi ormai disabitati ce ne sono tantissimi. e poi l’idea di una comunità è affascinante. anche in prospettiva per uno non più giovane come me.
    hanno fatto una cosa del genere sopra La Spezia. tutto eco compatibile etc.
    io mi prenoto come decoratore e approvvigionatore di vini

  4. Anche io ci sto: ma i soldi ci stanno? (Suvereto, comunque, è un posto bellissimo, in campagna e vicino al mare.Baratti, non dico altro.)

  5. @Giuliano io non sono così drastica. Riempire il vuoto di idee e di inziative può essere ancora più faticoso e dispendioso. Due, cerco di evitare giudizi a priori, o snobismo intellettuale, abbiamo mollato sulla televisione, vogliamo mollare anche internet? E’ una domanda, un dubbio.
    [A me gli orticelli culturali, però, prima o poi vengono a noia, a me piacciono gli orti veri, con l’insalata, i pomodori ecc e so coltivarli, Mauro]
    @Under è il contrario, invece, se lo consideri com’è nel mio desiderio (Marco è vero, ma intanto si tiene vivo il desiderio): una prospettiva di vita -REALE- che mi piace, circondata da persone e cose con cui sto a mio agio. Detta in breve -che basta e avanza- e che, alla fine, era quello che io cercavo nella Rivoluzione [c’è poco da dire, sono una contadina “nell’anima”]
    @Stein anche il dirigismo 😉
    @Maurizio e Manfredi, va benissimo, manca ancora un direttore per l’edizione del giornale locale e soprattutto, tanti operai e manovali.

  6. Ange hai molte ragioni e concordo con te: il mio voleva essere un commento leggero, non sempre ci riesco…
    (e anche con le emoticons non ci so mica tanto fare!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...