Orfeo e Euridice

Ma già Orfeo, eluso ogni pericolo,
tornava sui suoi passi
e libera Euridice
saliva a rivedere il cielo,
seguendolo alle spalle,
come Proserpina ordinava,
quando senza rimedio una improvvisa follia lo travolse,
perdonabile, certo,
se sapessero i Mani perdonare:
fermo, ormai vicino alla luce,
vinto da amore,
la sua Euridice si voltò incantato a guardare.
Così gettata al vento la fatica,
infranta la legge del tiranno spietato,
tre volte si udì un fragore nelle paludi dell’Averno.
E lei: chi ha perduto me, sventurata, e te Orfeo? Quale grande follia?
Virgilio, Georgiche, libro IV

Perché Orfeo si volta?

Annunci

2 commenti su “Orfeo e Euridice

  1. Una domanda tostissima, che da appassionato di Musica mi sono posto spesso. E’ anche una domanda che fa un bel po’ di paura, se ci si pensa bene.
    (Per chi passasse di qui senza saperlo, il mito di Orfeo è all’origine della Musica)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...