Esci dalla porta principale, giri a sinistra

e improvvisamente ti imbatti in un’enorme buca, quindi ti trovi dieci metri sotto terra, devi risalire una scala e passare in una casa in fiamme, attraversare un lago e poi raggiungere un qualche altro luogo…

così deve essere un pezzo di musica

e non semplicemente, per esempio: esci di casa, passi per la porta principale, esci in strada, giri l’angolo, entri in un negozio, rifai la stessa strada al ritroso e ti richiudi la porta alle spalle (Robert Wyatt, Dalla viva voce, Auditorium 2009)

Stay Tuned, Anja Garbarek

Annunci

4 commenti su “Esci dalla porta principale, giri a sinistra

  1. Riuscire a trovare un’ispirazione per comporre qualcosa di bello da un tran tran consueto è praticamente impossibile……
    Eppure anche le “solite cose” hanno una loro musica…..

  2. Stamattina cercavo di descrivere ad un amico quale tipo di musica mi prendeva totalmente… vengo quà e trovo qualcosa che mi calza a pennello… una sorta di colonna sonora per l’Indiana Jones metropolitano… 😉
    un abbraccio forte
    Aicha

  3. Infatti Aicha (bentrovata) la musica è un’avventura. A volte faticosa 😉
    [per la serie:il dono della sintesi 😛 mi sono alzata di buonumore]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...