L’uomo nero

Valeria Golino, bellissima e brava

Ho visto anche l’ultimo film di Sergio Rubini, “L’uomo nero”.

Storia simpatica, senza pretese, eppure pretenziosa, un po’ come il protagonista. Ma chi ha scritto di una Baaria pugliese? Mah! Può essere, non ho visto il film di Tornatore.

Comunque, non è bastato mettere in scena -anzi e per restare nel racconto- dipingere un affresco di tutti gli stereotipi della provincia pugliese degli anni sessanta, a fare un buon film, raccontare una storia, agganciare quella memoria ad oggi.

Così, il film mostra un come eravamo ben interpretato, con gli oggetti: le carriole e le ginocchia sbucciate dei ragazzini, il riso patate e cozze, la locomotiva, i panni della dote, la radio geloso; e la gente: la professoressa emancipata che fuma, la forestiera con il marito distratto, i morti che parlano con i vivi, i professionisti e l’artista mancato (u pittor) del paese di quegli anni… l’uomo nero che come si sa è buono e ha l’animo gentile.

Storie già raccontate (anche meglio) da Rubini, in altri suoi film. Unica vera novità, solo accennata, la sessualità precoce e violata (dei) tra bambini. Ci sarebbe tanto da ricordare, potrebbe essere la trama per un altro film, a patto di non considerare gli anni della propria infanzia (o gioventù), per forza o solo, spensierati e comunque i migliori della nostra vita.

Annunci

5 commenti su “L’uomo nero

  1. Rubini mi fa un po’ rabbia, avrebbe potuto dare molto di più. Ma i tempi sono questi. E anche Valeria Golino avrebbe meritato un altro cinema: la mia idea, come già sai, è che oggi quelli veramente bravi e originali li tengono fuori. Chissà se in rete ci si potrà salvare…(mi rifiuto di pensare che non ci siano ventenni e trentenni come i grandi del passato!)

  2. Dopo aver sentito l’ottima recensione che Rai1 veva fatto di questo film, mi era venuta la curiosità di vederlo ma dopo quello che hai scritto mi è passata la voglia. Sono stanca di vedere cose trite e ritrite. Tutti film sul filone nostalgico che fanno vedere una carrellata di tante cose senza approfondirne nemmeno una. Mah…sembra che ci stiamo abituando a certe cosucce che sembrano confezionate in serie dentro una catena di montaggio…
    Peccato per la Golino perchè a me piace moltissimo.
    Buon week-end!!!

  3. Rossana, sono trite per me, perchè sono pugliese, perchè le storie le ho ascoltate e raccontate, ma il film merita di essere visto. Guarda, è ben interpretato anche da Scamarcio e il bambino è bravissimo. La RAI non poteva che parlarne bene perchè l’ha prodotto 😉

  4. Questo film è magnifico, mi ricordavo che ne avevi parlato e che non ne avevi detto troppo bene. Io mi sono commosso.
    Bravissimi loro, ma bella anche la storia, quel che fa seguito alla scena della torta è tutt’altro che trito e ritrito!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...