La delicata fluidità del silenzio

Solo dopo essere stato accusato del crimine del silenzio Babel’ ha scoperto quanti tipi di silenzio esistono. Quando ascoltava la musica non ascoltava più le note, ma i silenzi. Quando leggeva un libro si dedicava interamente alle virgole e ai punti e virgola, allo spazio dopo il punto e prima della maiuscola nella frase successiva. Ha scoperto i luoghi di una stanza dove il silenzio andava a raccogliersi; le pieghe delle tende, le scodelle più profonde del servizio di famiglia. Quando la gente gli parlava sentiva meno quello che gli dicevano e più quello che non dicevano. Ha imparato a decifrare il significato di certi silenzi, che è come risolvere un caso difficile senza avere indizi, usando la semplice intuizione. E nessuno poteva accusarlo di non essere prolifico nel mestiere che si era scelto. Ogni giorno tirava fuori vere e proprie epiche di silenzio. Subito era stato difficile. Immagina il peso di restare in silenzio quando tuo figlio ti chiede se Dio esiste o quando la tua donna ti chiede se ricambi il suo amore. Dapprincipio Babel’ avrebbe voluto usare solo due parole: sì e no. Ma sapeva che anche pronunciare una sola parola avrebbe significato distruggere la delicata fluidità del silenzio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...