Ingratitudine più che cortesia

S’alcun legato è pur dal piacer molto,
come da morte altrui tornare in vita,
qual cosa è che po’ paghi tanta aita,
che renda il debitor libero e sciolto?
E se pur fusse, ne sarebbe tolto
il soprastar d’una mercé infinita
al ben servito, onde sarie ‘mpedita
da l’incontro servire, a quella volto.
Dunche, per tener alta vostra grazia,
donna, sopra ‘l mie stato, in me sol bramo
ingratitudin più che cortesia:
ché dove l’un dell’altro al par si sazia,
non mi sare’ signor quel che tant’amo:
ché ‘n parità non cape signoria

Fine settimana all’insegna della variabilità

John McLaughlin & the 4th Dimension – The Fine Line

Il mondo è un gran bel posto per nascerci se non date importanza alla felicità che non è sempre tutto questo spasso
se non date importanza a una punta d’inferno qua e là proprio quando tutto va bene
perché anche in paradiso non è che cantino tutti i momenti
………
[L.Ferlinghetti]

Thunderclap Newman – Something In The Air
[ah! lo so, sono proprio scortese a entrare in casa d’altri e a non lasciare manco un saluto]

Jakszyk, Fripp, Collins – Secrets

Ascolti.
La parole che ascolti ti toccano appena.
Hai nel viso calmo un pensiero chiaro
che ti finge alle spalle la luce del mare.
Hai nel viso un silenzio che preme il cuore
con un tonfo, e ne stilla una pena antica
come il succo dei frutti caduti allora.
[Cesare Pavese]

Mazzy Star – Fade Into You

Stan Kenton – The Peanut Vendor